Teniamoci la primavera, dentro

Un altro 25 aprile se n’è andato, quest’anno certamente in una maniera un po’ insolita. E insolente pure. Festeggiamo sempre la nostra libertà; e teniamoci la primavera, dentro. Come ci ricorda Paolo, un amico di Parabordando, che fa riaffiorare alla mente le immagini di una primavera navigante in flottiglia di un paio di anni fa…